La Reggina Calcio, principale società calcistica della città di Reggio Calabria, venne fondata da un gruppo di impiegati pubblici l11 gennaio 1914 con il nome di Unione Sportiva Reggio Calabria. Tra cambi di denominazione e difficoltà a fronteggiare i costi e le carenze di strutture, la Reggina vive i suoi primi 30 anni di storia militando nei campionati interregionali.

La svolta decisiva avviene nellimmediato dopoguerra, quando per meriti sportivi viene ammessa a partecipare al campionato Serie C 1945-1946 mantenendo la categoria fino alla stagione 1951-1952, stagione nella quale viene retrocessa nel campionato inferiore a causa di un tentativo di illecito da parte di un dirigente.

Il primo grande traguardo storico avviene nel 1965 quando la società guidata dal Presidente Oreste Granillo, di cui oggi è intitolato lo stadio, riesce a centrare lattesa prima promozione in Serie B dove milita per ben 9 anni consecutivi sfiorando una clamorosa promozione in Serie A.

Nella stagione 1973-1974 la Reggina retrocede in Serie C e da allora si apre un periodo buio e molto lungo che registrerà anche due retrocessioni in quarta serie.

Lanno del secondo ritorno in Serie C, il 1986, rappresenta il momento più difficile per la società travolta da un fallimento che rischia di compromettere 72 anni di storia. Il salvataggio avviene grazie ad un gruppo di giovani imprenditori tra i quali lattuale presidente Foti, che rilevano la società assumendo il nome di Reggina Calcio e mantenendo il titolo sportivo della precedente società.

Sotto la guida della nuova cordata di imprenditori, nel 1988 la Reggina Calcio torna finalmente nella Serie B sfiorando per ben due stagioni consecutive la promozione in Serie A; ma nel 1991 un inatteso scivolone riporta gli amaranto nella Serie C.

Nella stagione 1991-1992 Lillo Foti diventa il nuovo Presidente della società e da allora è unascesa continua con il ritorno in Serie B nel 1995.

Il 13 giugno 1999 rappresenta sicuramente il giorno più importante per la Reggina Calciodove la squadra allenata da Elio Gustinetti conquista il 4° posto utile per la promozione in Serie A vincendo 2-1 al Delle Alpi contro il Torino già promosso, davanti a 30.000 spettatori granata.

La prima partita della storia della Reggina in Serie A è contro la Juventus dove gli amaranto riescono nellimpresa di imporre un 1-1 contro la grande Vecchia Signora. Accompagnata dalla diffidenza iniziale degli addetti ai lavori raggiunge la salvezza con una giornata di anticipo.

Nella stagione 2000-2001 la squadra amaranto dopo aver vinto la prima partita della stagione contro lInter inanella 8 sconfitte consecutive, ma riesce a recuperare e chiudere tredicesima in classifica; in base alla classifica avulsa è costretta a disputare uno spareggio contro il Verona per non retrocedere. Dopo aver perso landata per 1-0 la Reggina vince in casa tre giorni dopo per 2-1 ma ciò non basta per evitare la retrocessione.

Lanno successivo, stagione 2001-2002 la Reggina reagisce con orgoglio alla retrocessione, mantiene in organico molti giocatori di Serie A, domina il campionato e torna immediatamente nella massima serie.

A seguito del più grande scandalo del calcio italiano nel 2006 la Reggina viene deferita per illecito sportivo essendo accusata per responsabilità diretta del presidente Foti ed a inizio stagione giace in fondo alla classifica per una penalizzazione di 15 punti. Ma lorgoglio messo in campo dai giocatori amaranto permette alla Reggina una cavalcata clamorosa ed il miracolo avviene nellultima giornata dove batte il Milan campione dEuropa e conquista una salvezza su cui nessuno degli addetti al lavori ci avrebbe scommesso.

Nel 2009 la Reggina ritorna in Serie B, ma nonostante la forza delle proprie idee ed a un nuovo progetto di valorizzazione del settore giovanile, il sogno di una nuova promozione in Serie A non si avvera.

Nella stagione 2013-2014 tra punti di penalizzazione e numerosi cambi in panchina, la Reggina chiude la stagione al 21° posto in classifica e retrocede in Serie C.

L11 gennaio 2014 la Reggina festeggia i suoi primi 100 anni di storia.

E la storia continua…